Acquaticità neonatale.

Con la partecipazione attiva del genitore, attraverso il gioco il bambino si sentirà libero fin dai primi mesi di vita di sperimentare l’acqua. Il corso di Acquaticità Neonatale stimola la naturale propensione all’acquaticità, favorendo lo sviluppo fisico, intellettivo e sociale del neonato ed in tutte le sue tappe di crescita.

0/3 mesi: i piccoli hanno la possibilità di mantenere viva la memoria natatoria, sperimentando e ricreando in acqua le emozioni ed esperienze vissute nei nove mesi trascorsi nella pancia della mamma.

3 /12 mesi: prese, posizioni, immersioni, giochi e coccole per favorire la capacità di spostamento autonomo.

12 /24 mesi: le immersioni diventano sempre più prolungate. Continuano giochi, salti e tuffi fino a raggiungere la capacità di spostarsi da soli in acqua senza supporto.

24 /36 mesi: diminuisce progressivamente il supporto di galleggiamento. Grazie al genitore ed ai giochi, il bambino sviluppa e approfondisce capacità natatorie e consapevolezza corporea.